Dalla volontà di giovani imprenditori della movida salernitana, è nato Wave, il comitato dei locali uniti di Salerno.

Sono stato chiamato a gestire la sua comunicazione: ecco il perché del nome, del marchio e del concept realizzato.

Perché è nato?

Salerno è una città che può dare moltissimo: turismo, movida, cultura, intrattenimento e solidarietà sono i temi che nuove generazioni di cittadini chiedono a gran voce che vengano affrontati con attenzione e passione, in un’ottica di rispetto e di forte voglia di fare.

Alcune ordinanze restrittive, come ad esempio quella sulla musica dopo la mezzanotte, hanno penalizzato determinate attività, quelle che si basavano sul mondo della concertistica, della notte e del clubbing.

I proprietari dei locali sono stati chiamati, quindi, a riconsiderare la propria offerta: attività diurne in grado di creare comunità e di aggregare. Spesso i locali non sono riusciti nell’intento, per varie ragioni, e hanno chiuso i battenti.

Wave, per restare nell’ambito della legalità e del rispetto dei residenti, è una risposta alla richieste di iniziative diurne e serali, di coordinamento di tutti i locali cittadini e di erogazione di servizi (come i trasporti).

L'onda del turismo alla Stazione Marittima di Salerno.

L’onda del turismo alla Stazione Marittima di Salerno.

Chi fa parte di Wave?

Il comitato si propone di organizzare eventi e servizi per Salerno, in collaborazione con i cittadini e le istituzioni. Inutile dire che per realizzare ciò sono necessarie molte risorse, sia economiche che umane che progettuali.

Il comitato al momento ha unito ben 18 locali: Avantgarde, Baretto, Bohème, Capogiro, Cercopiteco, Domani Smetto, Drinketto, Emanuel, Go Go, Lanificio, Line, Mamart, Negrito, Oro Nero, Paria, Rub A Dub, Wood, Yemaya.

E non finirà qui: arrivano tantissime richieste di iscrizione da parte di altri locali, ma anche di B&B, ristoranti e strutture turistiche.

L'onda della movida all'Emanuel Cafè.

L’onda della movida all’Emanuel Cafè.

La comunicazione

Il nome Wave, che in inglese significa “onda”, richiama i vari aspetti della mission di questo comitato:

  • L’onda delle persone che affollano le piazze e i locali, da
    sempre accolta con entusiasmo dagli operatori
  • L’onda del meraviglioso mare di Salerno che attira sempre
    più turisti da tutto il mondo
  • L’onda sonora degli eventi musicali di qualità da portare in
    città

L’onda è anche un simbolo di speranza: è l’onda delle nuove generazioni che presto saranno chiamate a dire la propria sulle questioni importanti. È l’onda che spazza via situazioni di stallo culturale, di aridità di sentimenti, di mancanza di una visione imprenditoriale organica.

L'onda delle idee di due clienti del Cercopiteco.

L’onda delle idee di due clienti del Cercopiteco.

Le attività di Wave

Destagionalizzazione del turismo, movida di qualità, concerti, installazioni artistiche, trasporti sono solo alcune delle idee messe in campo finora.

Le iniziative che i singoli locali avrebbero preso comunque in solitaria, oggi sono sotto un cartello di coordinamento e di vicinanza fra tutti gli operatori del settore.

Si tratta di riorganizzare i flussi, di dare contenuti rilevanti per far restare i turisti e, nondimeno, anche i giovani che scappano dalla Campania.

Sono attività dai fini nobili ed elevati, certo, ma con un contributo quotidiano si possono davvero innestare elementi che favoriscano un ambiente favorevole e prospero.

E tutto ciò, ovviamente, con l’ascolto, il dialogo e il rispetto per residenti, istituzioni e associazioni.

L'onda della cultura a Palazzo Fruscione.

L’onda della cultura a Palazzo Fruscione.


Visita la pagina Facebook di Wave cliccando qui.

Per Wave ho realizzato il marchio, l’immagine coordinata e gestisco la comunicazione.